29 aprile 2014

Black & White Wednesday # 127

Sreevalli of Ammaji Recipes is hosting this week BWW,   
please email your entries to valli.sunil AT gmail DOT com

Looks like chocolate but ...


... it's a Gaufrier en fonte ancien, an old Iron Waffle Maker :-)

here is always a free place to host a week,
check out the host line-up here and sign in for yours
or e-mail me to casacortella AT tin DOT it

We have a group on Flickr if you'd like to join and share your pics,
hashtag #BWFood on Twitter. 

20 aprile 2014

Black & White Wednesday # 126

Lynne of Cafe Lynnylu is hosting this week BWW,   
please email your entries to lynnylu AT gmail DOT com

A very special Easter edition hosted by Lynne,
feel free to post any picture related to this feast.

My best and sincere wishes to all!

happy easter

here is always a free place to host a week,
check out the host line-up here and sign in for yours
or e-mail me to casacortella AT tin DOT it

We have a group on Flickr if you'd like to join and share your pics,
hashtag #BWFood on Twitter. 

19 aprile 2014

Asperges à la flamande - Flemish Asparagus

la ricetta in italiano qui

It’s Spring time, asparagus time, lord of the kitchen and present in almost every seasonal buffet.
They are so good and healthy that is so hard to resist.
They belong to Liliaceae family,  along with onion, garlic and leeks.

 asparagi verdi

Known since ancient times, as wikipedia shows:

Asparagus was cultivated and used by the Egyptians in the Mediterranean and Asia Minor 2,000 years ago, as well as in Spain. While the Greeks do not seem to cultivate asparagus, the Romans in early 200 BC had manuals set with all details about its cultivation. The asparagus was just mentioned by Theophrastus, Cato, Pliny and Apicius; in particular the latter two described accurately not only the method of cultivation, but also how to use it. Roman emperors liked the asparagus so much, that it is told they had  special vessels to go and collect this vegetable, ships named as asparagus. But there was always and only a privilege for the rich gourmets.
From the XV century asparagus began to be cultivated in France, and then, in the sixteenth century, became very popular in England too; only later was introduced in North America. Native Americans used to dry asparagus to use as medicament herb.

Bernard Delcord, columnist of Belgium Delta Guide, tells us the story of Belgian asparagus in this interview:

According to the European Union rules, there are four varieties of asparagus: white, green, purple and green&purple.
They are grown almost exclusively in the Flemish part of the country, especially in Malines e Louvain area.
The Belgian asparagus, and most of all the white ones, have enjoyed a very high reputation in the XVII century until 1960.
Then their cultivation lived a long decline in Flanders, due to many reasons: the reckless taxation that the Government  required, considering asparagus a luxury product, cheaper imports  mainly from Asia, but also from Greece and Italy, and the great workload that the a high quality production requires.
Farmers have thus preferred to grow cauliflower and chicory, more profitable and less tiring.
Since the late 1980s, as a result of renewed consumer interest in traditional high quality, farmers resumed the production of asparagus in Flanders. But still it can not cope with the demand, so markets  give on sale asparagus imported from Spain, Italy, France, Greece and even from the United States, and Belgian asparagus are still very expensive.
Asparagus is not a Belgian native vegetable, some historians believed to see the representation of asparagus on the walls of a pyramid in Saqqara, Egypt, and that would bring its culture more than 5000 years before our era. But on the other hand, some other historians have always declared that they were actually shoots of papyrus.
In any case, you will know for sure that the Greeks used wild asparagus for therapeutic purposes. Hippocrates, for example, has always said that the asparagus root was very effective against dysentery and lumbago. Always the Greeks recognized its aphrodisiac and contraception properties. This is the reason why this plant has been dedicated to Aphrodite, the goddess of love.
It was the Romans who invented the cultivation of asparagus, considered always a luxury product for its particular taste, and for the different properties attributed to it. They used to eat raw asparagus, smoked or cooked.
According to Plutarch, Julius Caesar was a big fan of asparagus and Cleopatra, his famous lover, took advantage of the special aphrodisiac properties.
The Middle Ages was a disastrous period for the cultivation of this vegetable, considered too complicated and uncertain.
During the Renaissance, the Medici brought asparagus to ancient honors, and after them was the king of France, who were fighting in Italy, and Charles V. It was him who brought Flemish Asparagus, less bitter than Spanish ones, to be smart and fashion.
And the popular tradition was born.
In the XIX century the cultivation of asparagus arrived at its peak, with the introduction of modern farming methods, so to offer this good vegetable on the tables of the Belgian bourgeoisie of the time, when the country was among the richest in the world.

Asparagus and boiled eggs, a very popular traditional combination.
Usually seasoned with olive oil and vinegar, but let's indulge some time in the creamy richness of butter, and enjoy the very special asperges à la flamande.
White or green does not matter, just use your favorite and put in the pan, maybe a lady pan as 
WMF Vitalis (a super b'day gift from dear friends) and choose the best butter you can find, salted or unsalted at your pleasure.

 asperges à la flamande

You need:

fresh asparagus
abundant butter
chopped parsley
nutmeg, optional

asperges à la flamande

Cut off a quarter of the asparagus and peel them with a potato peeler.
Rinse well in cold water and cook until al dente in the pot or steam. Drain and let cool.
Cook eggs in boiling water 8 minutes, cool under cold running water, peel and chop with a knife or smash with a fork.
Melt the butter in a saucepan and let it get slightly golden.
Arrange the asparagus on a plate, sprinkle with a few tablespoons of melted butter, add the chopped eggs, a couple of tablespoons of melted butter, a sprinkle of nutmeg, if desired, and then parsley. Serve immediately.
If you like, you can prepare a sort of sauce mixing the chopped eggs, melted butter, nutmeg and parsley, then pouring it on asparagus.

This recipe is my personal entry to WHB #429
hosted by Marta from Mangiare è come viaggiare
both for English and Italian edition.
Thanks again to Haalo who manages greatfully all events,
to Bri for Italian edition.
Thanks again to Kalyn for her successfull idea!

18 aprile 2014

Asperges à la flamande - Asparagi alla fiamminga

English recipe here

Primavera, tempo di asparagi, questi bei lunghi germogli (il nome viene dal greco aspharagos, che a sua volta viene dal persiano asparag, appunto germoglio) che regnano incontrastati nelle nostre cucine per un mese o poco più, così prepotenti da essere onnipresenti nella maggior parte dei buffet di stagione.
Ma sono così buoni e salutari che è difficile resistergli.
Appartengono alla famiglia delle Liliaceae, in buona compagnia con cipolla, aglio e porri.

asparagi verdi

Conosciuti fin dall'antichità, come ci racconta wikipedia:

L'asparago fu coltivato e utilizzato nel Mediterraneo dagli Egizi e in Asia Minore 2000 anni fa, così come in Spagna. Mentre i greci non sembra che coltivassero gli asparagi, i Romani già dal 200 a.C. avevano dei manuali in cui minuziosamente se ne espone la coltivazione. L'asparago fu appunto citato da Teofrasto, Catone, Plinio e Apicio; in particolare questi ultimi due ne descrissero accuratamente non solo il metodo di coltivazione, ma anche quello di preparazione. Agli imperatori romani gli asparagi piacevano così tanto, che pare abbiano fatto delle navi apposite per andarli a raccogliere, navi che avevano come denominazione proprio quella dell'asparago (asparagus). Ma resta comunque sempre un privilegio gatronomico dei ricchi.
Dal XV secolo è iniziata la coltivazione anche in Francia, per poi, nel XVI secolo giungere all'apice della popolarità anche in Inghilterra; solo successivamente fu introdotto in Nord America. I nativi americani essicavano gli asparagi per successivi usi officinali.

Con l'Abbecedario della Comunità Europea siamo arrivati in Belgio, ospiti di Marta di Mangiare è un po' come viaggiare, che ci guiderà in questo paese fino ai primi di maggio.
Bernard Delcord, editorialista della Guida Delta del Belgio ci racconta in questa intervista la storia dell'asparago belga:

Secondo le norme stabilite dall'Unione Europea, esistono quattro varietà di asparagi: bianchi, verdi, viola e quelli verdi e viola.
Sono coltivati quasi esclusivamente nella parte fiamminga del paese, soprattutto nelle zone di Malines e Louvain.
Gli asparagi belga, soprattutto quelli bianchi, hanno goduto di una reputazione molto alta dal XVII secolo fino al 1960.
In seguito la loro coltivazione ha vissuto un lungo declino nelle Fiandre, per diverse concause: la sconsiderata tassazione che lo Stato imponeva al prodotto, considerato di lusso, le importazioni più economiche di asparagi principalmente asiatici, ma anche greci e italiani, e l'importanza del carico di lavoro che la produzione di qualità di questo ortaggio richiede.
Gli agricoltori hanno così preferito dedicarsi alla produzione di cicoria o cavolfiore, più redditizi e meno faticosi.
Dalla fine degli anni 1980, a seguito del rinnovato interesse dei consumatori per i prodotti tradizionali di alta qualità, è ripresa la produzione nelle Fiandre. Ma ancora non riesce a far fronte alla domanda, per cui si continuano a vedere sui mercati prodotti importati, da Spagna, Italia, Francia, Grecia e persino dagli Stati Uniti, e gli asparagi belga sono ancora molto costosi.
L’asparago non è un vegetale autoctono del territorio belga, alcuni storici hanno creduto di vedere la rappresentazione di asparagi sulle pareti di una piramide a Saqqara, in Egitto, il che riporterebbe la sua cultura a più di 5000 anni prima della nostra era. Per contro altri storici hanno sempre sostenuto che in realtà fossero germogli di papiro.
In ogni caso, si sa per certo che i Greci usavano gli asparagi selvatici a fini terapeutici. Ippocrate, per esempio, ha sempre sostenuto che la radice di asparagi fosse  molto efficace contro la dissenteria e lombalgia. Sempre i Greci gli riconoscevano proprietà afrodisiache e contraccettive. Questo è il motivo per cui questa pianta è dedicata ad Afrodite, la dea dell'amore.
Sono stati i Romani in seguito che hanno inventato la coltivazione di asparagi, ritenendolo comunque sempre un prodotto di lusso per la particolarità del suo gusto, e per le  diverse proprietà ad esso riconducibili. Mangiavano asparagi crudi, affumicati o cotti.
Secondo Plutarco, Giulio Cesare era un grande estimatore di asparagi e Cleopatra, la sua celebre amante, ne sfruttava le proprietà afrodisiache.
Il Medioevo fu un periodo nefasto per la coltivazione degli asparagi, ritenuta troppo complicata e aleatoria.
Durante il Rinascimento, i Medici lo riportarono gli antichi onori, e dopo di loro i re di Francia, che battagliavano in Italia, e Carlo V. Ed è proprio questo ultimo sovrano che lanciò la moda degli asparagi fiamminghi, meno amari di quelli spagnoli.
E così nacque la tradizione.
Nel XIX secolo la coltura degli asparagi arrivò al suo apice, con l’introduzione dei moderni metodi di coltura, che permise di offrire questo buon ortaggio sulle tavole della borghesia belga dell’epoca, quando il paese era tra i più ricchi del mondo.

Asparagi e uova sode, un binomio tradizionale molto popolare.
Solitamente conditi con olio e aceto, ma per un volta si può peccaminosamente indulgere nell'avvolgente cremosità del burro, e concedersi i caratteristici asperges à la flamande.
Bianchi o verdi non ha importanza, mettiamo in pentola i nostri preferiti, magari in una signora pentola come la Vitalis WMF (un super regalo amichevole di buon compleanno, ma ancora raggiungibile per pochi giorni coi punti Esselunga) e scegliamo un burro burroso, come quello fatto con la panna del latte decantato per la produzione del Parmigiano Reggiano del caseificio Nuova Martignana di Beggiovara, Modena, ... ma questa è un'altra storia, in una prossima puntata.

asperges à la flamande


asparagi freschi
abbondante burro
prezzemolo tritato
noce moscata, facoltativa

 asperges à la flamande

Tagliare un quarto del gambo agli asparagi e pelarli col pelapatate.
Sciacquarli bene in acqua fredda e cuocerli al dente nell’apposita pentola o a vapore. Scolarli e lasciarli intiepidire.
Cuocere le uova 8 minuti in acqua che bolle, raffreddarle sotto l’acqua corrente fredda, sgusciarle e tritare a coltello o schiacciare con la forchetta.
Sciogliere il burro in un pentolino e farlo leggermente imbiondire.
Disporre gli asparagi sul piatto, cospargere con un paio di cucchiai di burro fuso, aggiungere il trito di uova, ancora un paio di cucchiai di burro fuso, una grattatina di noce moscata, se piace, e cospargere di prezzemolo. Servire immediatamente.
Volendo, si può proprio preparare una salsa mescolando le uova tritate, il burro fuso, la noce moscata e il prezzemolo, versandola poi sugli asparagi.

15 aprile 2014

Black & White Wednesday # 125

Sanhita of Pocket full of Spices is hosting this week BWW,  
please email your entries to pocketfullofspices AT gmail DOT com 

asparagus bouquet 
 Green Asparagus Bouquet

here is always a free place to host a week,
check out the host line-up here and sign in for yours
or e-mail me to casacortella AT tin DOT it

We have a group on Flickr if you'd like to join and share your pics,
hashtag #BWFood on Twitter. 

14 aprile 2014

Velykos Pyragas - Pane Pasquale Lituano - Lithuanian Easter Bread

la ricetta in italiano qui

The most traditional Easter bread in Lithuania, a semi-sweet bread, will be perfect for breakfast or brunch, as it goes well with salty foods like cheese and ham too.

velykos pyragas-pane pasquale lituano-lithuanian easter bread

For Lithuanians Christians, Easter (Velykos) is the most important sacred holiday.
Here you can have a look and read about Easter traditions in Lithuania, starting on Palm Sunday (it was yesterday), making a decorative verbos to bring to church to be blessed.
Holy Thursday and Friday are dedicated to clean homes, washing everything, believing it will bring good health and abundant harvests to the household, and ward off fleas and evil spirits.
Butthe most famous tradition is held on Holy Saturday, dedicated to painting and ornating Easter eggs (margučiai) and to the preparation of the luscious Easter buffet.
Watch this beautiful about Lithuanian artists decorating margučiai via both techniques: etching and painting. As the film concludes, you’ll see the egg rolling game, one of the funniest family tradition (more interesting info and viodeos here).

My loaf is a little too golden, a little less would be better, so be more careful in baking as I was, but on the other hand, my oven has turned 26 and might be forgiven :-) ... waiting for a new one.

velykos pyragas-pane pasquale lituano-lithuanian easter bread

For a loaf you need:

500/550 g all-purpose flour 
220 g warm milk
70 g sugar or sugar cane
2 eggs, beaten *
a pinch of salt
half a bag dry yeast 
4 tbs melted butter

70 g light raisins
a plum-cake mold about 23x13cm.

 * you will use only three-quarters for the dough, a quarter will go for brushing the bread before baking

Follow the instructions for dry yeast: in case it requires to be activated, put it in a glass with 30 g of warm water and half a teaspoon of sugar and let it bibble for about ten minutes.
In the stand-mixer bowl pour flour and sugar and begin to knead at low speed, adding yeast (activated) and milk, little by little .
Then add a pinch of salt and beaten eggs, when well amalgamated add the butter. At last add raisins.
Knead until dough is smooth, mine was very very soft, but do not add more flour, or just a little bit.
Helping with a spatula, transfer the dough onto the working surface, shape into a ball (if necessary grease your hands with butter) and place in a lightly greased bowl, cover and let rise until doubled.
Deflate the dough and shape into a loaf.
Line the mold with parchment paper, place the loaf into and let rise covered until doubled.
Brush the surface with leftover beaten egg and bake at 170/180° for about 45/50 minutes, toothpick test will say it's ready.
Transfer to a wire rack and let cool completely before slicing.

This recipe is my personal entry to WHB #428
hosted by Lucia from Torta di Rose
both for English and Italian edition.
Thanks again to Haalo who manages greatfully all events,
to Bri for Italian edition.
Thanks again to Kalyn for her successfull idea!

This recipe also goes to Susan's weekly YeastSpotting.

13 aprile 2014

Velykos Pyragas - Pane Pasquale Lituano - Lithuanian Easter Bread

Buona Domenica delle Palme!

English recipe here

L'Abbecedario della Comunità Europea ha sostato in Lituania in questi giorni passati, ospiti di Angela.
Mancano pochi giorni a Pasqua, oggi si celebra la Domenica delle Palme e così ho voluto provare questo pane dolce pasquale tipico di questo paese.

velykos pyragas-pane pasquale lituano-lithuanian easter bread

E con una piccola ricerca sul web sono riuscita a sapere qualcosina in più riguardo le tradizioni pasquali dei lituani (altre info in inglese e ulteriori video qui):

Per i lituani cristiani, la Pasqua (Velykos) è la più sacra delle feste. Arriva dopo 40 giorni cupi di Quaresima e segna la resurrezione di Gesù Cristo. Ogni primavera, i lituani commemorano la Passione di Cristo assistendo alle funzioni religiose per tutta la Settimana Santa, cominciando con la Domenica delle Palme, a seguire si celebrano il Mercoledì Santo, il Giovedi Santo, il Venerdì Santo, Sabato Santo ed infine la Domenica di Pasqua.
Mentre i riti ecclesiastici di queste giornate sono paragonabili a quelli di altri paesi, molte tradizioni pasquali non strettamente legate alla liturgia sono tipicamente lituane.
Una di queste tradizioni si osserva la Domenica delle Palme. In molte parti del mondo, le chiese forniscono ai loro parrocchiani rami di palma o di olivo. In Lituania i fedeli portano le palme intrecciate fatte in casa per essere poi benedette. Poiché il clima locale è troppo freddo per le palme, i lituani decorano rami di piante del loro territorio a somiglianza delle palme (in lituano verbos) per questa domenica speciale. Assomigliano più a dei piccoli bouquet che a veri e propri rami di palma, e solitamente sono fatti con rametti di ginepro, vischio, salice piangente, salice e vimini, decorati con fiori secchi coloratissimi.
Il Giovedi Santo, i lituani usano pulire le proprie case con forza e vigore per garantire un successivo anno di abbondanza e di buona salute. Si lavano e puliscono i pavimenti, le finestre, le dispense, le stufe e la lavanderia in preparazione anche del Venerdì Santo. Al di là di portare buona salute e raccolti abbondanti per la famiglia, questo rituale di pulizia di primavera è utile anche per allontanare pulci e spiriti maligni.
Il Sabato Santo è dedicato alla pittura delle uova di Pasqua (margučiai) e alle prepararazioni culinarie per la festa domenicale. Le uova di Pasqua tradizionali lituane sono colorate con tinture naturali estratte da cortecce, foglie, frutta e verdura.
Ma sono più famose le margučiai decorate, che possono essere dipinte o intagliate a mano, creando magnifiche opere d'arte. Per la pittura a mano, si usano le punte di aghi e altri oggetti taglienti per decorare modelli complicati con cera calda. Poi, dopo che la cera è indurita, si immergono le uova nella tintura colorata. Una volta asciutte, le uova vengono riscaldate e poi pressate delicatamente con un telo o della carta per rimuovere la cera e rivelare così il disegno. Per l'intaglio a mano, non viene utilizzata cera ma si immergono le uova dapprima nel colore, quindi si asciugano, e si incidono i disegni sui gusci con dei punteruoli finissimi. Entrambi i metodi richiedono talento artistico e molta pazienza per un  risultato straordinario.
In Lituania, Nonna Pasqua (Velykų Senelė) porta uova e dolcetti ai bambini. Spesso i bambini si preparano per il suo arrivo, lasciando in giardino tra i cespugli dei nidi per le uova fatti in casa. La mattina di Pasqua, appena svegli vanno in cerca dei preziosi margučiai nascosti.
Il buffet lituano pasquale è un pranzo sontuoso, in netto contrasto con il digiuno quaresimale senza carne. Si abbonda con vassoi opulenti di maiale arrosto, prosciutto al forno, agnello, vitello, salsicce, anatra al forno e arrosto di pollo. Se l'agnello non rientra nel menu, si modella il burro o il formaggio nella forma di agnello e servito come simbolo pasquale. Le carni vengono abbinate a formaggi fatti in casa, uova sode, funghi trifolati o alla crema, kugelis, pane di segale, insalate assortite, e rafano. Anche il vino abbonda così come una vasta selezione di dessert panosi: panini ai semi di papavero, alle noci, torte al miele, all'uva passa e/o frutta secca.

Una tradizione lituana pasquale prevede che prima di mettersi a tavola, il padrone di casa taglia a fette un uovo sodo in tanti pezzi quanti sono gli ospiti e passa il piatto lungo il tavolo per condividere questo uovo con tutti: questo gesto simbolico di condivisione si dice porterà armonia e unità alla famiglia.

Un'altra tradizione è l'uovo che rotola. I giocatori puntellano l'estremità di uno scivolo tondo ricavato da una corteccia o legno (o cartone in tempi moderni), in un angolo del terreno. Si alternano poi a rotolare un uovo giù per lo scivolo con l'intento di toccare l'uovo di un altro giocatore. Se ci riescono, vincono entrambe le uova. Vince il giocatore con il maggior numero di uova alla fine del gioco.
Di seguito un bellissimo video di artisti lituani che decorano le uova, sia con incisione che pittura. A fine video il gioco dell'uovo che rotola.

Questo è un pane semidolce, sarà perfetto per la colazione o la merenda, anche con cibi salati.
Il mio è un pochino troppo abbronzato, sarebbe meglio più dorato, quindi meglio essere un pochino più precisi in cottura della sottoscritta (d'altra parte, il forno 26enne comincia a fare i capricci :-).

velykos pyragas-pane pasquale lituano-lithuanian easter bread


500/550 g di farina 0
220 g di latte tiepido
70 g di zucchero, anche di canna
2 uova sbattute *
un pizzico di sale
mezza bustina di lievito secco
 4 cucchiai di burro fuso

70 g di uvetta gigante chiara
uno stampo da plum-cake 23x13

* se ne userà solo tre quarti per l'impasto, un quarto servirà per pennellare il pane prima di infornarlo

Seguire le indicazioni del lievito secco: se richiede un'attivazione, metterlo in un bicchiere con 30 g di acqua tiepida e mezzo cucchiaino di zucchero e lasciarlo attivare per una decina di minuti.
Nella ciotola dell'impastatrice mettere la farina e lo zucchero, iniziare ad impastare a velocità bassa ed aggiungere il lievito (attivato) e il latte a filo.
Aggiungere anche il pizzico di sale e le uova sbattute, quando si saranno amalgamate aggingere anche il burro.
Per ultimo unire anche l'uvetta, tagliuzzata grossolanamente.
Impastare fino ad ottenre un impasto omogeneo ed elastico, il mio era molto morbido.
Con l'aiuto di una spatola ribaltarlo sul piano di lavoro, pirlarlo (se necessario ungersi le mani col burro) e metterlo in una ciotola leggermente imburrata, coprire e lasciare lievitare fino al raddoppio.
Sgonfiare l'impasto e trasferirlo ancora sul piano di lavoro e dargli la forma di filone.
Rivestire lo stampo con carta forno, adagiare il filone dentro e lasciare lievitare coperto fino al raddoppio.
Pennellare la superficie con l'uovo sbattuto avanzato ed infornare a 170/180° per circa 45/50 minuti, fare la prova stecchino prima di sfornare.
Trasferire su una gratella e lasciare raffreddare completamente prima di tagliarlo.

  Questo pane partecipa anche alla raccolta Panissimo, creata da Barbara di Bread & Companatico e Sandra di Indovina chi viene a cena?, ospitata questo mese da Barbara.

This recipe is my personal entry to WHB #428
hosted by Lucia from Torta di Rose
both for English and Italian edition.
Thanks again to Haalo who manages greatfully all events,
to Bri for Italian edition.
Thanks again to Kalyn for her successfull idea!

9 aprile 2014

Black & White Wednesday # 124

Haalo of  Cook Almost Anything is hosting this week BWW,  
please email your entries to haalo AT cookalmostanything DOT com

last citrus

last citrus on the table

here is always a free place to host a week,
check out the host line-up here and sign in for yours
or e-mail me to casacortella AT tin DOT it

We have a group on Flickr if you'd like to join and share your pics,
hashtag #BWFood on Twitter. 

6 aprile 2014

Applesauce - Salsa di Mele

Ho voluto provare, felicemente, i Black Bean Brownies (che dovrò già ripetere domani per il compleanno di un'amica cara), e uno degli ingredienti principali è la famosa applesauce.
Niente di più facile da preparare, seguendo sempre le sue indicazioni, realizzando anche che questa è la prima ricetta di Martha Stewart su questo blog, icona americana per tutto ciò che riguarda il lifestyle e il ménage domestico, dalla cucina, al giardinaggio, dal bon ton al più facile ed intraprendente fai-da-te. 
Io ho usato solo mele golden, perchè quelle avevo in casa, ma usandone di varietà mista si avrà una salsa più gustosa. 
Può essere usata in moltissime preparazioni dolci, sostituire parte del burro negli ingredienti, ma è anche una comoda e fresca merenda pronta all'uso: basterà aggiungerla ad uno yogurt, oppure cospargerne una porzione con frutta secca per avere uno snack salutare ed energetico.

applesauce-salsa di mele


 2 kg di mele
380 ml di acqua
60 ml di succo di limone appena spremuto
uno o due cucchiai di zucchero di canna, facoltativo
spezie, facoltative

Sbucciare le mele, eliminare torsoli e semini e tagliarle a pezzettini.
Sistemarle in una casseruola con l'acqua e il succo di limone.
Portare a bollore a fuoco medio/alto, poi abbassare la fiamma e lasciare sobollire, senza coperchio, per circa mezz'ora.
Ogni tanto dare una mescolata e controllare che il composto non asciughi troppo in fretta, eventualmente abbassare la fiamma: le mele devono disfarsi completamente.
Fuori dal fuoco rendere il composto omogeneo come una salsa schiacciando con la forchetta, usando un minipimer o uno schiacciapatate.
A questo punto aggiungere le spezie preferite e per gli amanti del superdolce anche lo zucchero (ma non serve, le mele sono già abbastanza dolci).
Invasare in barattoli puliti, lasciare raffreddare e conservare in frigo (anche due settimane) oppure congelare.

applesauce-salsa di mele


Ane esay recipe for a nice homemade applesauce, one of the main ingredient of gorgeous Black Bean Brownies I made last week (and now so often in my oven).
But you can use it as a ready-to-go snack, just mix it with a yogurt or sprinkle some nuts or dried fruit on it and you will get something healthy and energetic fo your day.
If you use different varieties of apples you will have a more deliciousa and tasty sauce.
Recipe from Everyday Food by Martha Stewart.

applesauce-salsa di mele

You need:

2 kg apples
380 ml ​​water
60 ml freshly squeezed lemon juice
one or two tbs sugar cane, optional
spices, optional

Peel apples, remove cores and seeds and cut into small pieces.
Place them in a saucepan with water and lemon juice.
Bring to a boil over medium/high, then lower the heat and let simmer, without lid, for about half an hour.
Stir occasionally and make sure the mixture does not dry out too quickly, lower the heat if necessary: apples must discard completely.
Out of the fire get the mixture as smooth as a sauce by crushing with a fork, using a blender or a potato masher.
Add your favorite spice and sugar (but it's not strictly requested, apples are sweet enough).
Pot into clean jars, allow to cool and store in the fridge (up to two weeks) or freeze.

This recipe is my personal entry to WHB #427
hosted by Lynne from Cafe Lynnylu for English 
and for Kris from Tutto a occhio for Italian edition.
Thanks again to Haalo who manages greatfully all events,
to Bri for Italian edition.
Thanks again to Kalyn for her successfull idea!

2 aprile 2014

My Legume Love Affair # 69 - the Round-up

I really enjoyed and been very honored to host for the first time MLLA on my blog and hope to keep on following the event more frequently and be hostess again some time.
A big thank you to Lisa of Lisa’s Kitchen, the running organizer of the event, and Susan of The Well-Seasoned Cook, the founder,  for giving me the pleasure to host.

Very nice dishes on my table this month, a great variety about legumes and their multiple use: so let's enjoy the rich buffet together without any further ado.

by Janet of The Taste Space

by Linsy of Home Cook Food

by Mamta of Light Food Desires

 by Deepali of Lemon in Ginger

by Sanhita of Pocket Full of Spices

by Siri of Cooking With Siri

Lisa of Lisa's Kitchen

by Terry of Crumpets & co.

by Claire of  Chez Cayenne

my entry

And the lucky winner selected at random for both prizes, a 6-pack assortment of products by the N.K. Hurst Company and Susan's Zyliss Lettuce Knife is ... Linsy of Home Cook Food, congratulations!

Should I have ever missed someone in this recap, please let me know and I will promptly fix it.
If you are interested in guest host an event in 2014, please email Lisa at legume.lisa AT gmail DOT com.

Black & White Wednesday # 123

Simona of Briciole is hosting this week BWW, 
please email your entries to simosite AT mac DOT com

cernia - grouper

A gorgeous grouper at the fish market in Cannes

could have been a real poisson d'avril for April Fools' Day yesterday :-)

here is always a free place to host a week,
check out the host line-up here and sign in for yours
or e-mail me to casacortella AT tin DOT it

We have a group on Flickr if you'd like to join and share your pics,
hashtag #BWFood on Twitter. 

Template Design | Elque 2007